Skip to content

Lo stato non pagherà i danni per calamità naturale – Gazzetta Ufficiale – Silenzio Ufficiale dei media e delle opposizioni

maggio 31, 2012
Vicenza 2011

Vicenza alluvionata nel 2011

Con la pubblicazione in G.U. del decreto legge n.59 del 15 maggio 2012, lo Stato Italiano fa un passo indietro e ha eliminato la facoltà di far rivalsa sullo stato in caso di calamità naturali: in caso di terremoti, alluvioni o qualsiasi altra catastrofe, i cittadini devono vedersela da soli.

Per chi suona la campana

Il consiglio dei governanti è quello di “stipulare una polizza di assicurazione”, riferendosi ad una maggiore velocità nel ripristino dei fabbricati.

Un bel favore alle società di assicurazione, le quali, dato il “consiglio e non la obbligatorietà”, staranno già facendo i conti in tasca.

Peccato che, la crisi poi alla fine la pagherannpo sempre i soliti. Le famiglie non sembrano avere la disponibilità a spendere e spandere, chiaramente il Governo sà che in italia il bene rifugio per eccellenza è la casa. Quindi l’italiano, come sempre, pagherà a testa china.

Terremoto- Emilia-Romagna-Lombardia

Terremoto in Emilia

Sarebbe opportuno che,  all’impossibilità di rivalsa nei confronti dello stato si contrapponesse una “regulation” sui prezzi delle assicurazioni.  Immagino già le discussioni in assemblea di condominio in cui l’amministratore deve comunicare che “sarebbe” meglio stipulare una polizza assicurativa contro i danni da calamità naturali.

Ringraziamo il Premier Monti che consiglia come spendere altri soldi per non ritrovarsi senza casa invece di mettere mano ai piani regolatori e destinare i soldi per buttare giù i vecchi palazzi/capannoni/orrori pieni di amianto e ricostruire con tecniche antisismiche ed ecocompatibili.

Il premier è uno stimato professore, un pò meno ora che taglia a destra e a manca. Invece di fare solo il contabile con le forbici, dovrebbe a mio avviso, tagliare per destinare fondi per la crescita. Le banche avrebbero di che far affari, e le assicurazioni potrebbero assicurare i fabbricati con minor rischio assoluto.

Prof. Monti batti un colpo! Lascia stare la Merkel e Obama che a noi non pensano proprio.

LEGGERE ATTENTAMENTE FINO A PAG 6. ART. 2.

Decreto legge n. 59 del 15 maggio 2012

Per fortuna dei neo terremotati, nonostante la legge in questione sia già pubblicata sulla “Gazzetta Ufficiale” deve ancora entrare in vigore: in ogni caso, in futuro per i cittadini le calamità saranno una vera e propria mattanza sociale, più di quanto non lo sono già oggi che lo Stato deve/dovrebbe restituire una casa a tutti coloro che la perdono.

La notizia è passata in sordina, ed è bene che i cittadini lo sappiano: sopratutto per giudicare l’operato non solo del governo Monti, spalleggiato e difeso dal “grande centro” Casini-Rutelli-Fini, dalla premiata ditta Bersani, e dai Berlusca boys: ma anche di quei partiti che dovrebbero – stando a quanto sostengono loro – collocarsi all’opposizione: Lega Nord e IDV. Mentre il partito di Vendola, i Verdi e altri partiti che non sono rappresentati in parlamento, approfittano di questo per evitare di prendere posizione: ma che rinuncino a fare opposizione e a segnalare ai cittadini le leggi schifose di questo governo E’ FIN TROPPO EVIDENTE… l’unica opposizione vera, in Italia, siamo noi blogger LIBERI.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: